Toscana, Cantine Aperte tra degustazioni e arte

Un viaggio nei terroir della cultura del vino Toscano tra piccoli e grandi gioielli enoici, dal Carmignano al unnamedNobile di Montepulciano, dal Chianti Classico al Chianti, dal Brunello di Montalcino passando dai vini della Valdichiana a quelli della Val d’Orcia, fino alle Doc Cortona e Colline Lucchesi: ecco “Cantine Aperte 2014”, che porta in scena il 24 e il 25 maggio con il Movimento Turismo del Vino Toscana, lo “spettacolo” del grande vino Toscano aprendo il sipario delle sue cantine ai wine lovers per l’appuntamento enoturistico più importante dell’anno. Da un’azienda all’altra, su e giù per la Toscana tra visite in cantina, degustazioni, assaggi golosi di prodotti tipici, shopping di bottiglie, mostre fotografiche e passeggiate nei vigneti in compagnia di fido & Co. per un week-end di festa all’insegna della passione per il vino, e non solo per la storia e le tradizioni del territorio, per la natura e gli animali.
“La Toscana è una regione che ogni anno attira migliaia di wine lovers – spiega Violante Gardini, presidente del Movimento Turismo del Vino Toscana – ecco perché anche quest’anno vogliamo offrire agli amanti del buon bere esperienze indimenticabili fatte di scoperte e di incontri, di storia e tradizione. Visite e degustazioni da vivere in cantine ma anche tra i vigneti in compagnia dei nostri amici a 4 zampe: per pianificare il tour visitate www.mtvtoscana.com, il nostro nuovo website che si è appena rifatto il look”.
Dalla visita delle storiche cantine dove sono nati i vini più famosi della Toscana e dove è gelosamente “custodita” la loro tradizione a quelle d’autore, dalle aziende che fanno parte di veri e propri “domains” alle tante realtà a conduzione familiare, ma anche cantine biologiche, tutte al femminile, unici esempi rimasti tra le mura di città Rinascimentali, in antiche ville e castelli secolari, sullo sfondo dei paesaggi più conosciuti al mondo, o insoliti e capaci di sorprendere come quelli che vedono i vigneti affacciarsi sul mare. E ancora pic nic sull’erba assaggiando prelibatezze gastronomiche locali e degustando calici di vino immersi nel verde di romantiche colline e giardini all’italiana, passeggiate a cavallo nella campagna o in compagnia di fido & Co. tra vigneti e filari nelle aziende “pet friendly”. E ancora mostre d’arte e di fotografia che raccontano la bellezza e il fascino di questa regione, ma anche di auto d’epoca e vespe per chi ama i motori di altri tempi; spazi gioco e ricreativi anche per i più piccoli con percorsi didattici e cooking lessons per chi vuole conoscere i trucchi della cucina toscana; fino allo shopping di bottiglie e di artigianato locale. “Cantine Aperte” è un’esperienza da non perdere per gli eno-appassionati: è l’occasione per conoscere e visitare i terroir della cultura del vino toscano ma anche la storia, la tradizione e la “grande bellezza” di un territorio conosciuto in tutto il mondo capace di conservarsi e di rinnovarsi. (per informazioni su visite & degustazioni, a pagamento e gratuite: www.mtvtoscana.com).
Nella foto in allegato il Cda del Movimento Turismo del Vino Toscana: da sinistra
Federico Taddei (vice presidente), Alessandro Bindocci, Violante Gardini al centro (presidente), Emanuela Tamburini e Augusto Monaci

 

Print Friendly, PDF & Email