Vendemmia 2016 a Masottina

La vendemmia a Masottina è iniziata lo scorso 23 agosto ad Ogliano con il  Pinot Nero destinato alla produzione degli spumanti ed è proseguita con le varietà a ogliano-quartier-generale-masottina_maturazione precoce (Pinot Grigio, Pinot Bianco e Chardonnay) anche nel vigneto “Ai Palazzi” di Gorgo al Monticano, laddove sono state scritte le prime pagine della storia produttiva della famiglia Dal Bianco.

 

Secondo i dati dello staff tecnico aziendale guidato da Adriano Dal Bianco, la raccolta delle uve Glera ha avuto inizio nella prima decade di settembre con le partite dedicate al prosecco DOC per poi proseguire con quelle per i vini DOCG.

 

La vendemmia per le Rive Masottina prodotte ad Ogliano è iniziata nel vigneto delContrada Granda Brut, e proseguirà con le uve del Rive di Ogliano Extra Dry;  mentre per i grandi vini fermi dei Colli di Conegliano, prodotti sempre in questo areale, il programma ha avuto inizio la scorsa settimana con le varietà destinate al Rizzardo, e proseguirà fino a primi di ottobre, quando verranno tagliati i grappoli delle varietà del Montesco.

 

A Gorgo al Monticano le uve a bacca rossa saranno vendemmiate dal 19 settembre: si inizierà con il Merlot quindi sarà la volta del Cabernet Sauvignon e del Cabernet Francmentre la vendemmia 2016 si concluderà con raccolta del Raboso, prevista per la metà di ottobre.

 

Per Masottina la vendemmia 2016 sta evidenziando una maturazione nella norma per tutte le diverse varietà ma, come per tutto il Veneto, la raccolta è leggermente in ritardo rispetto allo scorso anno. L’andamento climatico è stato caratterizzato infatti da una primavera con temperature miti che ha determinato un germogliamento precoce della viti. Ad inizio estate si sono registrati fenomeni piovosi mentre Luglio e Agosto sono stati mesi prevalentemente soleggiati che hanno portando l’epoca di invaiatura ai primi di Agosto e un’epoca di maturazione  regolare per le diverse varietà. Da un punto di vista quantitativo la produzione è in linea con quella dello scorso anno mentre si preannuncia un’annata interessante dal punto di vista della qualità. Le condizioni meteorologiche  di questi ultimi giorni, con giornate calde e soleggiate e notti fresche, sono ottimali per il completamento della maturazione delle uve perché le grandi escursioni termiche tra il giorno e la notte sono  fondamentali per definire un’acidità più marcata, e una maggiore concentrazione di zuccheri nelle uve a bacca bianca e un profilo polifenolico più strutturato per le varietà a bacca rossa.

 

“Quest’anno – spiega Federico Dal Bianco, responsabile marketing Masottina – ci aspettiamo vini di notevole ricchezza aromatica e di buona qualità, in grado di esprimere al meglio le caratteristiche organolettiche del nostro territorio con una grande intensità ed una spiccata acidità. Per quanto riguarda i nostri grandi vini rossi, ancora è presto per avanzare previsioni ma visto l’andamento climatico che stiamo registrando in questi ultimi giorni, siamo fiduciosi di portare in vinificazione uve sane e perfettamente mature in grado di  dare vita a vini intensi e di grande longevità”

 

Print Friendly, PDF & Email