Life of wine 2017, un bere di classe

La classe non è….vino! Parafrasando il famoso detto non possiamo che uscire entusiasticamente compiaciuti dall’evento organizzato dallo Studio Umani di Firenze nelle ampie sale del Radisson Blu Hotel in Roma.

Life of Wine è ormai un appuntamento consolidato per gli amanti del buon bere, ma soprattutto del bere di “classe” dove i produttori sembra, e forse lo è, facciano a gara nel presentare i loro prodotti più sorprendenti.  La presenza di volti noti e competenti dell’enologia romana ce ne dà conferma.

Avviandoci verso la sala di degustazione diamo una scorsa veloce alle cantine presenti ed alle loro annate scelte, ci rilassiamo poiché non saremo “costretti” a fare una classifica di quali siano i migliori come purtroppo accade nella maggior parte degli appuntamenti enologici.

Il livello è talmente alto e variegato che ci pregeremo di sottolineare esclusivamente alcuni esempi di eccellenza nell’ampio panorama propostoci.

  • LETRARI nome storico del territorio trentino doc ci delizia con quattro annate (2001 – 2007 – 2008 –2010) con una lieve preferenza per il 2010 che fa della grinta il suo marchio di fabbrica.
  • FAVARO azienda giovane che s’impone col suo esclusivo bianco Erbaluce, annate dal 2013 al 2016 che fa emergere nel suo invecchiamento la splendida complessità e struttura.
  • ZORZETTIG orgogliosamente friulano nelle sue annate 2014 2015 2016 ci ammanta della sua  delicatezza e della sua esplosione di sentori fruttati
  • MACCARIO DRINGENBERG – Eccolo qua il rossese di dolceacqua deliziosamente sapido – scegliere tra le annate proposte è davvero arduo – 2007 – 2010 – 2014 – 2015 tutte con la loro fragrante diversità tutte con la stessa unicità.
  • CAPEZZANA – Toscana alla riscossa – l’annata proposta del 1992 oltre ad essere una chicca risplende davvero a dispetto dei suoi 25 anni.
  • GIUSEPPE CORTESE – Rabajà Rabajà Rabajà  Barbaresco 98 – 2003 – 2014 – Uno più fulgido dell’altro
  • SAN MARZANO – Non ci stanchiamo mai di tessere le lodi di questo Primitivo oggi proposto nelle annate 2009 – 2011 – 2014

Concludiamo citando i due importanti eventi degustativi a cornice della giornata:

Il bianco ed il tempo a cura del giornalista Armando Castagno

Invecchiare fa bene? viaggio degustativo con chi ce l’ha fatta dopo 20 anni a cura del giornalista Leonardo Romanelli

Una domanda legittima…come ci sorprenderanno per Life of Wine 2018 ?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email