Cave du Vin Blanc, i vini di montagna

Quando si pensa alla Valle d’Aosta il pensiero corre subito al Monte Bianco, le cui montagne richiamano _IGP4473l’aria fina, la possibilità di passeggiare tra i vari sentieri o sciare sulle piste innevate. Questa piccola regione produce dei straordinari vini, ancora troppo poco conosciuti al grande pubblico. Pensiamo al Blanc de Morgeux et de la Salle, che prodotto dal vitigno Prié Blanc la cui caratteristica è quella di adattarsi alle rigide temperature locali e quella di essere anche il vitigno più alto d’Europa. Inoltre, le escursioni termiche, tra il giorno e la notte, assieme alla scarsità di piogge, amplificano i profumi dei vini. Altra peculiarità è quella di essere ancora un vitigno a piede franco, ossia non innestato su vite americana, in quanto la filossera (insetto dannoso alla vite proveniente
dall’America) non ama le altitudini elevate. La viticoltura di montagna, come quella valdostana, fatta di terrazzamenti e muri, di tenacia dei suoi abitanti, concepisce vini di gran pregio e di limitata produzione. Header-Cave-du-Vin-Blanc_1

A Morgeaux, la Cantina  Cave du Vin Blanc (www.caveduvinblanc.com),  propone dei vini interessanti, di grande qualità. La filosofia di quest’azienda vitivinicola è quella d’intervenire “solo lo stretto necessario”, proprio a rimarcare il voler realizzare un prodotto che ricalchi l’autenticità e il rispetto della vite e dell’ambiente. Questa Cave valdostana propone il Priè Blanc (biotipi Blanc de Morgex) in purezza, nelle sue declinazioni, precisamente come vino:

  • fermo: Rayon (12°), Tradizionale (11,5°), La Piagne (11,5°), Estremi (11°)
  • spumante metodo classico: Extra Brut (11.5°-12.5°), Brut (11.5°-12.5°), Avalanche (11.5°- 12.5°), Cuvèe du Prince (11.5°- 13°), Cuvèe des Guides (11.5°-12.5°), Brut Extreme (11.5°-12.5°)
  • speciale: Chaudelune

Un modo per focalizzare bene il vitigno autctono valdostano è quello di assaggiare le sue varie tipologie, magari raffrontandole, come avverrà presso la Fisar di Roma (www.sommeliers.it), il 9 maggio prossimo, dove gli associati-sommelier degusteranno otto vini della Cave du Vin Blanc.       di A.L.

Print Friendly, PDF & Email