Vinoè 2017 un successo firmato Fisar

Mentre mi appresto a scrivere il mio articolo sull’evento fiorentino Vinoè 2017, tenutosi il 5 e 6 novembre, passano i dati e non rimango strabiliato perché, chiunque abbia partecipato alla manifestazione targata Fisar, si sarebbe accorto del gran successo:

 

  • oltre 8.000 ingressi,
  • più di 800 etichette in degustazione,
  • 10.000 bottiglie stappate,
  • 100 sommelier in servizio, 
  • 140 banchi d’assaggio,
  • 72 grandi etichette protagoniste delle 12 degustazioni verticali.

Tutti questo è avvenuto alla Stazione Leopolda per la seconda edizione della manifestazione enologica della Federazione Federazione Italiana Sommelier Albergatori e Ristoratori che quest’anno conta un +30% di visitatori: “Numeri che ci rendono particolarmente orgogliosi e che confermano il ruolo sempre più strategico di FISAR nel panorama enoico – dichiara Graziella Cescon, Presidente Nazionale FISAR – Il programma di Vinoè ha infatti saputo coniugare senza soluzione di continuità e con gran successo banchi di degustazione, conferenze a tema e masterclass sulle più importanti produzioni italiane ed estere

Numerosi gli eventi interessanti della kermesse come quello moderato da Roberto Rabachino, direttore della Rivista Il Sommelier nel quale Prof. Giuseppe Martelli, Presidente del Comitato Nazionale vini Dop e Igp, intervenuto su “La viticoltura italiana: passato, presente e futuro”.

Ma anche quello dedicato ai “Cambiamenti climatici e viticoltura” coordinato da Tessa Gelisio, con la partecipazione di  Giacomo Buscioni, Agronomo, Responsabile tecnico – scientifico settore bevande fermentate di Foodmicroteam, spinoff accademico dell’Università degli Studi di Firenze; Filippo Di Gennaro, Ricercatore presso l’Istituto di Biometeorologia del Consiglio Nazionale delle Ricerche in viticoltura di precisione; Daniele Grifoni, Ricercatore presso l’Istituto di Biometeorologia del Consiglio Nazionale delle Ricerche afferente al Consorzio Lamma; Marco Moriondo – Ricercatore presso l’Istituto di Biometeorologia del Consiglio Nazionale delle Ricerche in modellistica colturale.

Ma dire Vinoè è dire Fisar e quindi anche Fisar in Rosa, con il suo evento dedicato ai “Vini della tradizione raccontati da intraprendenti produttrici” organizzato dalla responsabile del progetto Luisella Rubin e  moderato dalla giornalista Gladys Torres Urday con un percorso degustativo guidato Karen Casagrande, Ambasciatrice Fisar.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email