“Lo considero un atto dovuto, per certi aspetti persino tardivo: l’enologia della Valpolicella, di Verona e del Veneto si meritano, e non da oggi, di essere luogo d’elezione