• Ven. Apr 12th, 2024

11 novembre, Giornata Mondiale dei Single

DiRedazione

Nov 9, 2023

In Italia i single sono il 33,2% della popolazione (più delle coppie con figli, 31,2%), una categoria in crescita, orgogliosa del suo stato, che fa tendenza anche a tavola.
È una delle ricette “icona” dei single, un must salva-cena semplice, facile da preparare, nutrizionalmente bilanciato e accessibile: una porzione costa circa 2 euro e bastano 30 minuti per portarla in tavola.
Dalla classica al pomodoro a quella in bianco, alle versioni rivisitate dagli chef, sono decine le ricette che girano in rete, eppure sono ancora tanti gli errori che si fanno nel prepararla, a partire dal metodo «apri e svuota».
La curiosità ancora poco diffusa sulla sua storia: secondo l’Accademia Italiana della Cucina i veri Spaghetti alla Bolognese sono proprio quelli col tonno, nati alla fine dell’800 con l’arrivo delle prime conserve ittiche.

In Italia i single sono il 33,2% della popolazione (circa 8,5 milioni), più delle coppie con figli (fermi al 31% – fonte: Istat). Una categoria in crescita, orgogliosa del suo stato, e soprattutto, un mondo che fa tendenza, anche a tavola. E che oggi ha anche una sua Giornata Mondiale, la Festa dei single, l’11 novembre. E, ça va sans dire, se pensi ai “single a tavola”, dici “pasta al tonno”. È una delle ricette più facili e veloci da portare in tavola, un piatto icona salva-cena per i single. È semplice e accessibile: una porzione costa circa 2 euro (fonte: Osservatorio Prezzi del Mimit su dati Istat) e bastano 30 minuti per portarla in tavola. Vera e propria istituzione culinaria, è un piatto nutrizionalmente bilanciato. E grazie ai plus del tonno, o delle acciughe, come Omega 3, selenio, triptofano, Vitamina D, riduce lo stress e aiuta il buonumore.

11/11, LA FESTA DEGLI “UNO SOLITARI” NATA IN CINA
La scelta dell'11 novembre non è casuale: 11/11, un giorno formato dal numero solitario, l'1, il numero perfetto per quella che viene chiamata anche “Festa degli 1 solitari”. L'idea è nata in Cina nel 1993 per iniziativa di due studenti di Nanchino. In una cultura come quella cinese che valorizza il matrimonio, i due studenti hanno deciso di contrapporre la festa di chi non si lega sentimentalmente (e non per questo può essere definito solo). Oggi, il Single Day (“Guanggun Jié”) è una ricorrenza molto popolare, quasi come il Capodanno, e la tradizione cinese vuole che le persone senza partner si facciano dei regali a vicenda e trascorrano la giornata tra karaoke, cene a tema e eventi dedicati ai “cuori solitari”.

PASTA AL TONNO, POCHI INGREDIENTI, FACILE E VELOCE: IL “PIATTO MANIFESTO” DEI SINGLE
In bianco o col sugo, la pasta con il tonno è l’evergreen classico, semplice e veloce, la ricetta che da decenni sfama single poco avvezzi alla cucina e che fanno raramente la spesa ma possono fare affidamento su quello che hanno in dispensa. Del resto, per preparare una buona pasta al tonno, l’importante è avere in casa pochi ma essenziali ingredienti: pasta, pomodoro, olio, qualche spezia e,
ovviamente, tonno in scatola. Come tutti i piatti tradizionali e pop, è stata interpretata da numerosi chef del calibro di Giancarlo Perbellini o Gianfranco Pascucci, che ci hanno sbalordito con le loro versioni gourmet, dimostrando che non è solo la ricetta last minute. Il motivo è semplice: è un piatto nutriente, salutare e naturale, con un suo posto da protagonista in una alimentazione sana ed equilibrata.

LA VERA STORIA DEGLI SPAGHETTI ALLA BOLOGNESE, UN PIATTO NATO ALLA FINE NELL’OTTOCENTO
Ha segnato per molti il battesimo ai fornelli, eppure sono ancora tanti gli errori che si fanno nel prepararla, a partire da quello più comune: il frettoloso “apri e svuota”. Dalla classica al pomodoro a quella in bianco, sono decine le ricette che girano in rete: dietro la pasta al tonno c’è anche una vera storia che tanti ancora non sanno. Secondo l’Accademia Italiana della Cucina i veri Spaghetti alla Bolognese sono proprio quelli col tonno, nati alla fine dell’800 con l’arrivo delle prime conserve ittiche, rendendo disponibile il pesce anche nelle città lontane dal mare.

 

UN PIATTO SEMPLICE MA CON LE SUE REGOLE: ECCO GLI ERRORI DA NON FARE

Una soluzione garantita e infallibile per il pasto, ma non così scontata: sono tanti i segreti per una riuscita al top. Il condimento si prepara nel tempo in cui l’acqua bolle e la pasta cuoce. Un piatto veloce per un risultato buonissimo, a patto di non commettere i seguenti errori:

  1. Eliminare l’olio del tonno. L’olio d’oliva utilizzato nelle conserve di tonno non va buttato: è sano e gustoso e usato come condimento dà sapore alle preparazioni, direttamente nei sughi o nel piatto in caso di insalata o ricette fredde.
  2. Sottoporre il tonno a lunghe cotture. Naturale o sott’olio, il tonno in scatola è già stato sottoposto alla cottura. In preparazione andrebbe aggiunto solo all’ultimo momento e fuori dal fuoco o si asciugherebbe troppo, rischiando di disfarsi.
  3. L’ingrediente giusto al momento sbagliato. Utilizzare il limone è un’ottima idea: la scorza grattugiata va nel soffritto, mentre il succo si aggiunge alla fine. In entrambi i casi la regola è: assaggiare. Alici sottolio e capperi si abbinano bene al tonno e vanno aggiunti a inizio cottura (anche tutti e tre insieme). Il prezzemolo regala aroma al piatto, ma va sempre aggiunto a fuoco spento.
  4. Dimenticare gli abbinamenti giusti. La pasta al tonno è un piatto veloce ma ci sono alcuni ingredienti che non vanno trascurati: un po’ di peperoncino rende più interessante qualsiasi pasto. Stesso discorso per le olive nere (quelle di Gaeta sono perfette). E i fagiolini? Sbollentati e uniti a pomodorini e tonno completano il piatto.
  5. Formaggio sì, formaggio no. Nessuna prescrizione medica vieta l’abbinamento ma è una regola non scritta: il sapore del formaggio grattugiato sovrasta e copre la delicatezza del tonno. Discorso diverso per la provola o la mozzarella che, al contrario, con il sapore dolce tendono ad esaltare il gusto del tonno in scatola in un connubio da 10 e lode.
  6. Trascurare la cottura della pasta. Un condimento preparato a regola d’arte ma abbinato ad una pasta scotta, vanifica tutto il lavoro e la resa finale. La pasta deve essere cucinata sempre al dente. E per il formato, nessuna limitazione.

IL NUTRIZIONISTA: “UN MIX PERFETTO DI CARBOIDRATI, PROTEINE, VITAMINA D E TRIPTOFANO”
Pasta e tonno in scatola? Un match importante perché il carboidrato stimola la produzione di insulina, e l’insulina a sua volta favorisce l’assorbimento delle proteine, oltre che dello zucchero. In questo modo, si riescono a sfruttare al meglio i principi proteici, e in particolare gli aminoacidi, del tonno se assunto insieme ai carboidrati. A garantirlo è Luca Piretta – gastroenterologo e nutrizionista all’Università Campus Biomedico di Roma: “Il single ha anche bisogno di coccole. E la sana alimentazione deve pensare anche al gusto, al piacere e alla gratificazione oltre che a nutrire correttamente il corpo. La pasta al tonno, mangiata alla sera, consente di dare piacere, serenità e buon sonno grazie alla presenza del triptofano, un aminoacido presente sia nella pasta che nel tonno che in quanto precursore della serotonina (l’ormone del benessere) e della melatonina (ormone del sonno) aiuta a farci sentire bene e a darci un sonno tranquillo. Il connubio è prezioso per tutta la famiglia. Altro punto forte del tonno in scatola e delle conserve ittiche in generale è il rapporto tra basso apporto calorico e alto apporto proteico, ricco di aminoacidi essenziali, un rapporto raro negli alimenti”.

Ufficio stampa ANCIT
INC –Istituto Nazionale per la Comunicazione

Print Friendly, PDF & Email