• Lun. Apr 22nd, 2024

Grillo Doc Sicilia come vino ideale dell’estate

DiRedazione

Lug 18, 2023
La sua intensità e la sua freschezza aromatica, tra note vegetali speziate, tipiche di agrumi e fiori bianchi, accolgono ed esaltano i piatti tipici della cucina estiva, come se contenesse il sole della Sicilia: è il Grillo, vino ideale della bella stagione, che di anno in anno si afferma sempre di più come ambasciatore di un territorio.
Sono circa 8.500 gli ettari (dati al 2021) in cui si coltiva Grillo nell’isola, registrando un
+ 273% rispetto alla produzione del 2004, quando gli ettari erano 2.300. Attraverso espressioni diverse, il Grillo regala, in ogni differente area in cui si produce, una versione di sé riconducibile alle sue caratteristiche varietali e, com’è tipico di un fenotipo nato e cresciuto in Sicilia, è in grado di creare in ogni contesto un’interessante sinergia.
Se rapportiamo l’imbottigliato di Grillo DOC Sicilia del 2017 – ovvero 3.401.676 unità – a quella del 2022 – ovvero 20.058.504 – notiamo un + 489%. Dai dati attualmente a disposizione, inoltre, già nel 1° semestre del 2023 si contano 12.831.328 bottiglie, registrando un + 12% rispetto al 1° semestre 2022, quando le bottiglie prodotte erano 11.440.296.

Al Grillo, vitigno che si distingue tra le oltre 70 varietà autoctone della regione – racconta Antonio Rallo, Presidente del Consorzio Tutela Vini doc Sicilia – attribuiamo il merito di essere stato uno dei principali ambasciatori del grande valore del vino Doc Sicilia in Italia e all’estero. Un vero e proprio portabandiera della qualità del vino siciliano nel mondo anche grazie alla sua estrema versatilità e abbinabilità con i piatti tipici della cucina siciliana e italiana, esaltati dalla sua intensa carica aromatica e da caratteristiche organolettiche capaci di esprimere a pieno il terroir di provenienza”.

CONSORZIO DI TUTELA VINI DOC SICILIA
Il Consorzio di Tutela Vini DOC Sicilia (siciliadoc.wine) prende vita nel 2012, con l’obiettivo promuovere i vini a DOC Sicilia, con azioni mirate alla crescita della visibilità di un marchio simbolo del Made in Italy, oltre a tutelare il prodotto con azioni di vigilanza a difesa del consumatore e dei produttori.
Quasi 8.000 viticoltori e circa 500 imbottigliatori sono promotori della Denominazione di Origine Controllata, un riconoscimento utile a rappresentarli ma anche a valorizzare e salvaguardare la produzione vinicola dell’isola. La Sicilia è la più grande area vinicola biologica in Italia: rappresenta il 30% della superficie nazionale e con i suoi oltre 42mila ettari ha anche il primato tra le regioni che praticano una viticoltura sostenibile, assoggettata al disciplinare bio o a quello di produzione integrata.
Print Friendly, PDF & Email