Il 27 marzo si terrà a Grosio, in Valtellina, l’Assemblea nazionale dell’Unione Ristoranti Buon Ricordo, appuntamento annuale in cui si ritrovano e si confrontano i soci di quella che è la più consolidata (ed ancor oggi la più conosciuta) associazione di ristoratori italiani. Ad ospitare l’assemblea sarà l’Hotel Sassella, il cui ristorante Jim fa parte del sodalizio. All’assemblea faranno da corollario visite alla scoperta dei sapori tipici, della gastronomia e del patrimonio culturale della Valtellina.

Ad accogliere i colleghi provenienti da tutt’Italia sarà la famiglia Pini. Jim Pini e la sua meravigliosa famiglia sono nel Buon Ricordo da trent’anni, sempre all’altezza della miglior tradizione. Hanno dato e danno costantemente un prezioso contributo all’ attività e all’immagine del Buon Ricordo, tanto da essere continua e ambita meta della clientela più affezionata.

Dal 1964 l’Unione Ristoranti del Buon Ricordo salvaguarda e valorizza le tante tradizioni e culture gastronomiche del nostro Paese, accomunando sotto l’egida della cucina del territorio (a quei tempi scarsamente considerata) ristoranti e trattorie di campagna e di città, dal Nord al Sud. A caratterizzare ciascun ristorante, e a creare fra loro un trait d’union, è oggi come un tempo il piatto-simbolo dipinto a mano dagli artigiani della Ceramica Artistica Solimene di Vietri sul Mare su cui è effigiata la specialità del locale (che viene tenuta in carta tutto l’anno) e che viene donato agli ospiti in memoria di una piacevole esperienza gastronomica da ricordare. Nel loro insieme, i ristoranti associati rappresentano, con la varietà straordinaria delle loro cucine, il ricchissimo mosaico della gastronomia italiana.

L’assemblea sarà per i soci un’occasione di riflessione e di scambio di idee per disegnare il percorso verso il futuro del Buon Ricordo, 100 ristoranti affiliati e 53 anni di vita associativa.

“Ci confronteremo sulle strategie con cui affrontare la non facile congiuntura attuale: intendiamo dare il nostro contributo culturale, prima ancora che economico, forti della nostra storia e del nostro costante impegno per essere interpreti, tutti insieme, della ristorazione italiana di qualità” dice il Presidente Ovidio Mugnai.

A conclusione dei lavori dell’assemblea, il Ristorante Jim ospiterà la Cena di Gala, che sarà preparata a sei mani dallo chef del locale Diego Carniniaffiancato dai colleghi degli altri due ristoranti valtellinesi del Buon Ricordo,Massimiliano Tusetti de Al Filò di Bormio e Luca Galli del Camino di Livigno. Alle tre insegne sarà affidata la realizzazione del menù, esaltazione dei sapori della Valtellina.

Molto apprezzata dal Buon Ricordo l’ospitalità valtellinese. Un ringraziamento particolare da parte dell’Associazione e dei ristoratori che partecipano alla convention alle realtà che hanno contribuito alla realizzazione dell’Assemblea, ovvero Rigamonti Salumificio, Latteria di Delebio, Latteria di Chiuro, Panificio Cao, Melavì, Vis, Consorzio di Tutela Vini di Valtellina e le aziende vinicole Plozza di Tirano, Casa Vinicola Pietro Nera di Chiuro, Azienda Agricola Caven, Casa Vinicola Fay e Casa Vinicola La Perla Marco Triacca.

Informazioni

Unione Ristoranti del Buon Ricordo, tel. 02 80582278, www.buonricordo.cominfo@buonricordo.com

 

Print Friendly, PDF & Email