BAROLOBRUNELLO A LUGANO

barolobrunello termina la prima trasferta internazionale a Lugano, in Svizzera, con un grande successo di pubblico: quasi 400 visitatorihanno avuto modo di degustare per due giorni consecutivi 125 vinirappresentativi della tradizione enoica montalcinese e piemontese, incontrando ben 38 produttori e maestri del Barolo e del Brunello.

 Grande soddisfazione anche da parte degli organizzatori che hanno sottolineato quanto questa tappa sia stata rappresentativa: la Svizzera, caratterizzata da un mercato interessante, da scoprire e approfondire, è stata una conquista. Gli stessi produttori ci hanno creduto e hanno sfoderato gli assi migliori per ingolosire il pubblico presente.

 Un esempio è il giovane produttore Alberto Burzi che per Lugano ha proposto il suo Barolo Vecchie Viti Capalot 2013 con la storica etichetta utilizzata nel passato e ancora Daniele Pelassa, produttore di Roero, quasi timoroso di voler partecipare e invece ha stupito tutti con il suo Barolo Riserva 2009, ma potremmo continuare citando ilBarolo di Vietti e dell’Azienda agricola Mascarello, il Brunello diCasanova di Neri e di Poggio di Sotto.

Alla fine della prima giornata si è tenuta la Cena di Gala alla Villa Principe Leopoldo che ha visto la partecipazione di tutti i produttori, attori di una splendida serata in cui grandi vini sono stati accompagnati da piatti che ne hanno esaltato aromi e profumi. Si sono stappate circa40 Magnum e l’annata più vecchia è stata il 1982 di Borgogno.

 Ora barolobrunello si prende una pausa per preparare l’edizione autunnale: questa volta sarà la città di Milano al centro dell’attenzione con un format tutto rinnovato. Non resta che aspettare di conoscere le grandi soprese che il team di Wine Zone ci riserverà anche questa volta, il 18 e 19 novembre!
Print Friendly, PDF & Email